Pagina (50/194)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Tutte queste questioni sembrano risolute dalla condotta dell'autoritÓ ecclesiastica. Il battesimo del fanciullo ebreo aveva fatto troppo rumore in Bologna perchŔ S. E. il cardinale Viale-PrelÓ restasse inattivo, bisognava applicare di conseguenza i canoni della Chiesa che riguardano i figli entrati nel suo seno col battesimo, o correre il pericolo di un immenso scandalo agli occhi de' cattolici. L'autoritÓ fece dunque dimandare al Mortara, se egli intendeva educare suo figlio cristianamente, gli si offrono i mezzi, ed erano capaci di conciliare i suoi diritti paterni con quelli della Chiesa (21). Dopo reiterati rifiuti, l'arcivescovo di Bologna non consulta pi¨ che il suo dovere, il fanciullo fu condotto a Roma al Catecumenato, e al medesimo istante in cui egli abbandonava Bologna, se ne istruiva il padre che avrebbe potuto seguirlo se egli avesse voluto (22). In questo caso egli si sarebbe assicurato co' suoi propri occhi che non si trattava di sequestrare suo figlio, di fargli rompere i suoi legami naturali, molto meno imporgli colla violenza corporale o morale una professione di fede, ma solamente di procurargli, in una casa che non Ŕ altro che una pensione, un'istruzione religiosa, sufficiente per metterlo d'accordo se egli il voleva colla grazia del ricevuto battesimo, mentrechŔ se fosse egli rimasto a Bologna nella sua famiglia, ei non avrebbe giammai potuto sapere solamente ci˛ che era il sacramento che lo aveva fatto figlio di Dio e della Chiesa. Ci˛ Ŕ sý vero, che tosto arrivato a Roma per seguire questo mutamento, Mortara padre ha potuto vedere suo figlio e comunicare con lui tutte le volte che egli ha voluto.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Roma e la opinione pubblica d'Europa nel fatto Mortara
Atti documenti confutazioni
di
pagine 194

   





Bologna Viale-PrelÓ Chiesa Mortara Chiesa Bologna Roma Catecumenato Bologna Bologna Dio Chiesa Roma Mortara