Pagina (73/194)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      E per vero non mancano gravi autori in materia canonica, i quali nella sola circostanza della deficienza di testimonii, scorgono sufficienti ragioni per dichiarare la nullitÓ di simili battesimi.
      Felga super decret. lib. V, Rit. 6, cap. IX, ibid.(in notis). Si puer (JudŠus) fuerit per scŠcularem baptizatus testibus non existentibus, talis puer non dicitur baptizatus. Ita Petrus de Ancha tractatu de JudŠis (p. 3, cap. 2, N. 6) ubi late discutit hanc difficultatem.
      3░ La Morisi ha parlato dopo cinque anni di assoluto silenzio sull'accaduto. Perci˛ non Ŕ infondato il sospetto che essa abbia potuto non ricordare perfettamente di avere in allora adempiuto a tutte le esigenze del rito battesimale colla gelosa precisione richiesta alla validitÓ di questo sacramento; tanto pi¨ che in detta epoca essa, non ancor giunta al sedicesimo anno di etÓ, trovavasi rozza ed inesperta quant'altre mai.
      Premesse queste brevi considerazioni sul merito del fatto, avuto riguardo alla sua legale autenticitÓ ed al reale aspetto delle cose, si passerÓ agli argomenti generali, dai quali traggono altresý conforto i coniugi Mortara, che le benigne autoritÓ, cui Ŕ devoluto il sentenziare, siano per restituire ad essi il figlio.
      ╚ cosa oramai da veruno ignorata che lo spirito del Cristianesimo Ŕ spirito di mansuetudine e di caritÓ. Quantunque sia la pi¨ operosa fra tutte le religioni in procacciare sempre nuovi proseliti alle sue dottrine, non havvi in essa principio che direttamente od indirettamente autorizzi d'impiegare all'uopo la violenza, o che piuttosto non manifesti un'aperta avversione all'uso di tutti gli altri mezzi, che non siano la persuasione e la dolcezza.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Roma e la opinione pubblica d'Europa nel fatto Mortara
Atti documenti confutazioni
di
pagine 194

   





Rit JudŠus Petrus Ancha JudŠis La Morisi Mortara Cristianesimo