Pagina (79/194)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      E dove proclamando la caritÓ universale faceva guerra a tutti gli abusi della forza, vorrebbe mai convalidare un atto eseguito in isprezzo de' suoi comandi per istrappare un figlio dal cuore de' genitori israeliti, a costo fors'anche della loro esistenza? e convalidarlo nel tempo stesso che, solo cangiata una circostanza meramente estrinseca, lo giudicherebbe irrito e nullo? E mentre di fronte a tante eresie ed alle orgie del filosofismo, anatemizzava le micidiali dottrine che attaccavano la societÓ nelle sue basi, la famiglia e la proprietÓ, avverrebbe mai per essa che il gemito della desolazione sorgesse fra i vincoli spezzati della famiglia per accusare una somma ingiustizia?
      Altro argomento onde i coniugi Mortara ripetono la restituzione del figlio, Ŕ nelle volute condizioni perchŔ il battesimo imprima indelebilmente il suo carattere, il quale argomento Ŕ d'altronde quello stesso dell'autoritÓ paterna, guardato sotto diverso punto di vista.
      Queste condizioni sono adunque stabilite nel concorso della materia, della formola e della volontÓ. Quando fra varj requisiti stabiliti indispensabilmente all'efficacia di un dato atto, fosse permesso bilanciare il grado comparativo della loro importanza, Ŕ senza dubbio che l'ultimo accennato avrebbe a giudicarsi come il pi¨ necessario. E per vero la Chiesa riconosceva eziandio, oltre il battesimo di sangue, quello consistente nel semplice desiderio (Tertull. baptism. XII. Origen. in Joh. T. n░ 26. S. Agust. de bapt., cap. 4). Fu nell'idea di questo battesimo che s. Ambrogio riconfortava i pensieri di coloro che avessero dubitato intorno alla salvezza dell'imperatore Valentiniano, ucciso prima di essere battezzato.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Roma e la opinione pubblica d'Europa nel fatto Mortara
Atti documenti confutazioni
di
pagine 194

   





Mortara Chiesa Tertull Joh S. Agust Valentiniano