Pagina (132/194)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      .. Huic legi nec abrogari fas est, neque derogari ex hac aliquid licet, neque tota abrogari potest; nec vero aut per senatum aut per populum solvi hac lege possumus; neque est qurendus explanator aut interpres ejus alius, nec erit alia lex Rom, alia Athenis; alia nunc, alia posthac. Sed et omnes gentes et omni tempore una lex et sempiterna et immutabilis continebit... Deus legis hujus inventor, disceptator, lator... (De Repubblica, l. III, 19.)
      Se non sono a sufficienza gli autori suddetti, noi citeremo s. Paolo medesimo, il quale parlando delle nazioni che non avevano conosciuto la legge di Mos, si esprime cos: i Gentili che non hanno la legge, fanno naturalmente le cose che la legge comanda; non avendo leggi, essi tengono a se medesimi il posto della legge, e fanno vedere colla testimonianza della loro propria coscienza che ci che prescritto dalla legge, scritto nel loro cuore. Cum enim gentes qu legem non habent, naturaliter ea qu legis sunt faciunt, ejusmodi legem non habentes ipsi sibi sunt lex: qui ostendunt opus legis scriptum in cordibus suis, testimonium reddente illis conscientia ipsorum (ad Rom. c. II., v. 14 et 15). Si pu dire che il discepolo amatissimo ha cos definito la legge naturale, quando egli ha parlato di questa vera luce che illumina ogni uomo di questo mondo: Erat lux vera qu illuminat omnem hominem venientem in hunc mundum (Evang. c. I, v. 9). Si vede che sopra questo punto, come sopra molti altri, la teologia e la filosofia si danno la mano.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Roma e la opinione pubblica d'Europa nel fatto Mortara
Atti documenti confutazioni
di
pagine 194

   





Huic Rom Athenis De Repubblica Mos Gentili Rom Erat Evang