Pagina (184/194)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      A queste interrogazioni debbono rispondere i declamatori fanatici sopra le crudeltÓ romane, piuttosto che intenerirsi ed eccitare le lagrime delle dame sentimentali sopra la sventura di una madre desolata e di una famiglia in lagrime. Noi veramente non crediamo che nel nostro mondo questa sia la sola e la prima madre desolata o famiglia in lagrime in conseguenza di un grave dovere che altri abbia dovuto compiere: e fosse in piacer di Dio che madri e famiglie non fossero in lagrime, che per necessaria conseguenza di compiuti doveri! Ed in un tempo in cui Ŕ fresca ancora la rimembranza di un potente che, strappando dalle famiglie ancor principesche i teneri nati, li mandava in terra straniera a pericolare nella fede dei padri loro, in un tempo che ha visto intere popolazioni da un braccio di ferro partite, loro malgrado, dalla cattolica unitÓ; in un tempo che ha deplorato i figli dei soldati cattolici, caduti nella guerra indiana, sedotti e strascinati, col danaro dei Cattolici, dalla Inghilterra anglicana ad essere educati nella eterodossia, abbominata dagli spenti loro padri e dalle vedove superstiti; in un tempo, in cui si veggono molti Governi invadere talmente la educazione e la istruzione, che ai genitori appena restano le parti di meri esecutori; in questo tempo, diciamo, cade proprio opportunissima non sappiam bene se la commedia o la tragedia che si sta giuocando dall'Europa filantropica ed umanitaria, commossa fin nelle viscere all'immane e miserando spettacolo di un bambino di razza giudaica, il quale, divenuto cristiano, Ŕ messo in un collegio cristiano dal Santo Padre?


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Roma e la opinione pubblica d'Europa nel fatto Mortara
Atti documenti confutazioni
di
pagine 194

   





Dio Cattolici Inghilterra Governi Europa Santo Padre