Pagina (77/204)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Essi sono assolutamente privi di
      ogni idea di decenza. Nel valutare il carattere morale dei selvaggi, conviene ricordarsi che non
      solo fra loro la regola del bene e del male era ed ancora in molti casi assai lontana dalla no-
      stra, ma anche che molti di loro possono appena venire considerati come esseri responsabili, e
      non posseggono nessuna nozione, anche difettosa e vaga, della rettitudine morale.
      Nei Tonga l'idea del buono espressa con quella del robusto. Un giorno un convertito
      Dacota presentavasi ai missionarii chiedendo il battesimo, ma fu respinto perch poligamo. Al-
      cuni mesi dopo ritornava dicendo che non aveva pi mogli, e quindi era in piena regola colla
      Chiesa. "E che ne avvenne delle tue donne?" gli domandava il missionario. "Io lo ho mangiate"
      rispose il neofito. Un selvaggio australiano, richiesto da un Europeo, che cosa fosse il bene od il
      male, rispose: "Bene, mangiare il proprio nemico; male, esserne mangiato." Assai analoga-
      mente sentenziava a Baker il re Commor: "Buono vuol dire essere forte." Un Rongatura (Au-
      strale) clto in furto e domandato da un viaggiatore se non temesse di esserne punito dagli Dei:
      Oh! no, disse, quando gli Dei erano in terra facevano altrettanto, e i genitori amano essere imi-
      tati dai figli." Nell'Africa orientale non si capisce che cosa sia il rimorso: il ladro un uomo ri-
      spettabile, l'assassino un eroe. Nell'Africa australe, presso i Bechuana, quando si vuol prende-
      re un leone di quelli che hanno fame di uomo, gli si mette per esca nella fossa un bambino od


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Antropologia
di Giovanni Canestrini
Hoepli Milano
1888 pagine 204

   





Tonga Europeo Baker Commor Un Rongatura Nell'Africa Africa Bechuana Africa