Pagina (92/204)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Le signore Falatah, nell'Africa centrale, impiegano molte ore della giornata ad abbigliarsi.
      Cominciano perfino dalla sera della vigilia avviluppandosi con cura le dita della mano e del
      piede con foglie di henna, per trovarle la mattina d'un bel colore di porpora. Si tingono i denti
      alternativamente di azzurro, giallo e porpora, lasciando ad uno o due di questi il loro colore na-
      turale per amor di contrasto. Hanno una cura particolare delle loro palpebre, che tingono con
      solfuro di antimonio. Tingono la loro capigliatura con indaco. Portano grande profusione di bot-
      toni ed altri gioielli.
      Peraltro anche presso di noi la donna ha grande cura del proprio esteriore, e gli orecchini
      pesanti di certe contadine, di cui ne vidi portare contemporaneamente due paia, le enormi capi-
      gliature che furono di moda, ed i ni artificiali delle antiche dame veneziane, richiamano alla
      memoria i costumi delle donne selvaggie, anche senza tener conto del costume che hanno molte
      delle nostre donne di rendere bianchi i capelli colla cipria, e di tingersi le sopraciglia di nero e
      le labbra di rosso.
     
     
      Fig. 8. - Capo tatovato dell'isola di Santa Cristina.
     
      La pretesa coda dei Niam-Niam non che un ornamento. fabbricata di cuoio e di filo di
      ferro elegantemente intrecciato, molto lunga e finisce a ventaglio. Quegli uomini l'appendono
      tra le coscie e la lasciano sporgere indietro, ci che ha dato luogo all'asserzione di trib africane
      munite di lunga coda (fig. 9). In altri casi la coda, presso questi stessi selvaggi, ha una forma


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Antropologia
di Giovanni Canestrini
Hoepli Milano
1888 pagine 204

   





Falatah Africa Santa Cristina Niam-Niam