Pagina (172/204)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Le sabbie di Saint-Prest presso Chartres contengono gli avanzi dell'elefante meridionale, del ri-
      noceronte leptorino e dell'ippopotamo maggiore, e sono perci˛ da tutti i geologi riferite al terre-
      no terziario pliocenico. Nell'aprile del 1863 furono estratte dalle medesime delle ossa fossili
      portanti delle incisioni irregolari, di varia profonditÓ e di varia lunghezza, le quali incisioni fu-
      rono considerate come opera dell'uomo; ma un pi¨ attento esame ha condotto alla conclusione
      ch'esse sono dovute alla pressione ed allo sfregamento contro i grani silicei contenuti in quelle
      sabbie.
      L'uomo terziario ha lasciato traccie di sŔ anche in altre parti dell'Europa, come nel Porto-
      gallo, e precisamente in alcuni terreni della valle del Tago, per cui si pu˛ asserire che aveva giÓ
      guadagnato un'ampia distribuzione geografica. Durante questi periodi terziarii l'Europa aveva
      un clima mite, subtropicale, e la terra era fertilissima. Se la soddisfazione dei bisogni materiali
      pu˛ dirsi felicitÓ, l'uomo era allora di certo felice; e forse i miti che parlano di un eden e di un
      paradiso terrestre accennano all'esistenza dell'uomo in quei tempi remoti. Platone, parlando del-
      l'etÓ dell'oro sotto Saturno, dice che gli uomini dormivano nudi al discoperto, perchŔ quella
      temperie non era loro nociva, ed avevano letti molli, pullulando abbondantissima erba dalla ter-
      ra.
      ╚ stata fatta la domanda, se l'uomo terziario abbia avuto tali caratteri da poterlo classifica-
      re nella medesima specie dell'uomo odierno.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Antropologia
di Giovanni Canestrini
Hoepli Milano
1888 pagine 204

   





Saint-Prest Chartres Europa Porto- Tago Europa Saturno Platone