Pagina (72/74)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Non si considera fra noi pi¨ nemmeno come scienziato chi vive parasita delle tradizioni, chi non abbia dato alla scienza un'idea la quale egli possa chiamar sua. L'arte di fare le scoperte prevista e descritta anzi tempo dal profeta Bacone Ŕ divulgata a tutti. Vi sono societÓ d'uomini la cui vita consiste nell'attendere a fare scoperte; e d'altri uomini la cui vita consiste nell'attendere ad annunciarle. ╚ l'analisi per l'analisi!
      Noi fummo testimoni degli eventi che sottomisero all'Europa e alle sue colonie le sorti dell'Asia e dell'Africa. Ora si affaccia a noi la pi¨ grande di tutte le rivoluzioni che sottomette tutte le discordi sintesi d'una scienza fantastica all'urto dell'analisi libera e armata delle opere sue; che inaugura finalmente la concorde libertÓ del pensiero per tutto il genere umano.
      Oramai non dobbiamo curarci di rinvenire tra le reliquie del mondo fossile l'unitÓ primordiale del genere umano. Da dovunque egli sia venuto il genere umano procede alla libera unitÓ del pensiero.
      Signori, questo Ŕ per me un breve capitolo; ma potrebbe essere ad altri un'opera di lunga lena.
      Io aveva giÓ presenti alla mente queste idee, quando (in gennaio 1862) risposi publicamente nel Politecnico ad una cortese inchiesta che l'onorevole Matteucci, allora ministro, mi faceva sulla riforma da lui proposta per gli studi scientifici in Italia.
      Io gli proposi allora per sommo principio da seguirsi nel complesso delle universitÓ la divisione del lavoro, ossia la libera analisi, in quanto che non si riproducesse mai in una universitÓ l'identico programma d'un'altra; ma le sole scienze generali e necessarie, le sole scienze preliminari e accompagnatorie fossero uniformi in pi¨ facultÓ; ma gli altri studii costituissero corsi affatto speciali, proprii ciascuno di ciascuna universitÓ. E cosý per esempio, supposto che avessimo in Italia dieci uniformi facultÓ per gli ingegneri, ciascuna delle quali avesse dieci catedre, io intendeva che si ponesse la mira a disporre a poco a poco le cose in modo che una metÓ incirca di quelle catedre avesse un programma uniforme di scienze generali egualmente necessarie per tutte le varietÓ dell'insegnamento; ma l'altra metÓ delle catedre fosse intesa ad un insegnamento speciale, proprio di quella sola universitÓ. Una delle dieci facultÓ d'ingegneri dovrebbe fornire un insegnamento speciale d'alta matematica, destinato a preparare forti professori di questa famiglia di scienze, anche per le altre facultÓ, per i licei e le scuole tecniche e militari.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Psicologia delle menti associate
di Carlo Cattaneo
pagine 74

   





Bacone Europa Asia Africa Politecnico Matteucci Italia Italia