Pagina (96/243)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      - Non correre; non brucia la casa! C'Ŕ sempre da fissare quando ci vedremo.
      Una lieve nube pass˛ sulla fronte della giovine donna. Ella pensava, forse, che suo marito doveva restare escluso dagli abboccamenti che si combinavano.
      - Cercher˛ di venire quasi ogni giorno. Far˛ di tutto per riuscirvi.
      - CioŔ! bisogna riuscire ad ogni costo. E... la prima volta, quando ci rivedremo?
      - Non so... Doman l'altro?
      - Sta bene. Doman l'altro...
      - Qui, - soggiunse subito Irene, prima che il suocero potesse indicarle un altro appuntamento.
      Padron Gregorio parve colpito. Infine si risolse.
      - Sia pure: qui! A rivederci, nuoruccia.
      - A rivederci, papÓ!
      Ebbene, il vedersi in casa d'estranei acquistava un sapore piccante; un'idea come di appuntamento amoroso e clandestino. Il vecchio Ferramonti se ne sentiva turbato ed ingolosito. Bisognava dire che Irene ne avesse, dei curiosi capricci! il condursi cosÝ, come gente che ha paura di compromettersi, non aveva senso comune. No, non era cosa degna d'un uomo serio.
      L'intero settembre pass˛ senza cambiamenti. Irene andava tre o quattro volte per settimana da Lalla Frati; restava col suocero un'ora od un'ora e mezzo, irrequieta, nervosa, come combattuta fra la delizia d'essergli vicina, e la preoccupazione di dover scappar via al pi˙ presto possibile. Qualche volta facevasi attendere lungamente, o restava appena pochi minuti. A due o tre appuntamenti manc˛ del tutto. E queste furono per padron Gregorio giornate terribili. Insomma, la giovine donna era diventata subito un bisogno della sua esistenza.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

L'ereditÓ Ferramonti
di Gaetano Carlo Chelli
pagine 243

   





Irene Gregorio Ferramonti Irene Lalla Frati Gregorio Irene