Pagina (14/61)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Il maschio invece presenta i caratteri di crostaceo ben riconoscibili, ha gambe articolate, non Ŕ parassito, e solo all'epoca della generazione si fissa in prossimitÓ dell'orifizio sessuale della femmina e la feconda. Ma ci˛ che v'ha di pi¨ singolare si Ŕ la enorme sproporzione di volume fra il maschio e la femmina, che nel massimo stato di rigonfiamento di questa, si fa salire da qualche autore fino al rapporto di 1 : 4.600. Non dobbiamo ommettere per˛ che questa femmina nello stato di giovent¨ ha subýto, quanto alle forme, le stesse metamorfosi del maschio; ma nel mentre questo si Ŕ arrestato a un dato periodo, essa continu˛ fino a trasmutarsi in una sorta di verme, scendendo di grado, per cosý dire, nella scala gerarchica animale (fig. 10. LernŠa cornuta Lin. (Chondracanthus cornutus. Nordm.).(11)
      Dell'argonauta del mediterraneo non si offerirono fin qui all'indagine de' naturalisti se non individui femmine. Su questo animale vive, quasi ne fosse parassito, una sorta di verme allungato con molte ventose all'ingiro del corpo, pel quale appunto Cuvier ebbe a creare il suo genere Hectocotyle della classe degli elminti. Ora per contrapposto a quanto abbian ora veduto dell'argonauta, tutti questi individui di Hectocotyle esaminati finora sono di sesso maschile; circostanza che, appoggiata da qualche altro carattere anatomico di analogia fra due animali tanto diversi, rende sommamente probabile l'opinione del sig. K÷lliker, il quale considera il preteso verme parassito dell'argonauta come il maschio di questa specie.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Delle funzioni riproduttive negli animali
di Filippo De Filippi
Vallardi Milano
1850 pagine 61

   





Lin Chondracanthus Cuvier Hectocotyle Hectocotyle