Pagina (24/268)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      La forza esterna e risiede ovunque nello spazio, anzi l'attrazione considerata come forza in s non esiste, ma solo esiste l'energia dell'etere, la quale entra in azione spingendo le particelle e gli ammassi di materie gli uni verso gli altri, in causa di una rottura di equilibrio, fra le spinte eguali e contrarie, di cui spiegheremo pi innanzi il meccanismo.
      Ma proseguiamo nella nostra indagine dei caratteri principali che si devono ammettere nell'etere.
      Una definizione molto precisa, poich d una vera idea delle funzioni dell'etere, vien data dal defunto Generale Olivero3, il quale definisce l'etere: "forza che riempie il cosmo, non definita ancora nella sua azione, che si qualifica forza vibrante ripulsiva di s stessa e della materia".
      In virt di questa azione ripulsiva, l'Olivero ammette che l'etere tenda ad agglomerare la materia e, come avremo campo di dimostrare, ci risponde alla realt.
      Possiamo intanto tener conto del suo carattere pi marcato e quasi diremo visibile, che ci reso manifesto dalla trasparenza di alcuni corpi; infatti se i raggi luminosi che dipendono da vibrazioni dell'etere, passano attraverso certi corpi, come il cristallo, segno che tali corpi, anche se di apparenza tanto compatta, sono ripieni fra le molecole di cui sono costituiti di tale fluido, il quale pu propagare le vibrazioni luminose attraverso la loro massa.
      Del resto, l'essere un corpo non trasparente alla luce non vuol dire che sia anche impenetrabile alle vibrazioni d'altra natura; vediamo infatti i raggi X, oscuri pel nostro occhio, passare liberamente attraverso certi corpi opachi.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Lo spirito dell'universo
di Olinto De Pretto
Bocca Torino
1921 pagine 268

   





Generale Olivero Olivero