Pagina (293/519)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Steinegge si pose a ridere d'un riso muto, contorcendosi, gesticolando.
      Ah, Voi siete un maligno uomo. Capisco, capisco. ╚ come se der K÷nig in Thule, il Re in Tule, Voi sapete? si mettesse a bere un decotto, non Ŕ vero? Io bevo adesso due bicchieri a pranzo e non altro.
      ╚ vostra figlia che lo desidera?
      No, no, voglio io. Mia figlia mi pregava di prender vino la sera, e mi prega ancora adesso, ma io ho visto una volta per i suoi occhi il suo cuore e io prendo thŔ, caro amico.
      V'invidiodisse Silla e prese il cappello per andarsene. Steinegge lo trattenne.
      Aspettate, venite a passeggio con noi.
      Silla esit˛ a rispondere.
      Oh, venite, venite!
      Steinegge and˛ a battere alla porta di Edith e la prego di uscire un momento.
      Edith venne tosto e porse affabilmente la mano a Silla.
      Buon giornodiss'ella. "Che lezione lunga!"
      Era graziosa nel suo abito nero, semplicissimo, corto ma non troppo, con un mazzolino di viole alla cintura, il suo medaglione d'oro e onice sul petto e una stretta golettina bianca che le rifletteva sul collo un candore diffuso, trasparente. Le ricche trecce eran raccolte sopra la nuca. Nel viso delicato, leggermente roseo, la bocca e gli occhi avevano una espressione pi¨ spiccata di fermezza. ╚ strano come quegli occhi esprimessero intelligenza della vita reale, contemperata di bontÓ: come nello scherzo, nel sorriso che li illuminava sovente, vi apparisse sotto all'iride un color di dolcezza triste; quale se un altro spirito infuso al suo, uno spirito malinconico si ravvivasse qualche poco nella gaiezza di lei.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Malombra
di Antonio Fogazzaro
pagine 519

   





K÷nig Thule Tule Silla Edith Silla