Pagina (393/519)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Questo salt˛ lesto come un ragazzo a ghermire il libro e se lo strinse al petto, ridendo, rosso fino al vertice del cranio. Steinegge, rosso anche lui, fece le sue scuse.
      A Lei! A Lei! Vada lÓ! Lo prenda, lo prenda!
      rispose don Innocenzo porgendogli a due mani il libro che l'altro non voleva pigliare.
      Ah!
      diss'egli, appena v'ebbe data un'occhiata "Mein Gott, Mein Gott! Non avrei mai creduto questo."
      Era una grammatica tedesca.
      Taccia, vada lÓ, vada lÓ che non capisco niente!
      esclam˛ don Innocenzo ridendo sempre; e gli ritolse il libro, lo gitt˛ sullo scrittoio, vi pos˛ su il suo berretto a croce e scapp˛ a raggiungere Edith.
      Adesso non c'era proprio pi¨ nulla da vedere e la casetta torn˛ silenziosa, perchÚ gli Steinegge si ritirarono nelle loro stanze al primo piano, mentre Marta stendeva la tovaglia.
      Placido silenzio, interrotto appena dal tintinnýo delle posate di Marta, da qualche passo pesante sulla stradicciuola di lÓ dall'orto. Edith era felice di sapersi cosý lontana da Milano, in mezzo a tanta quiete e a tanto verde, come ella stessa aveva scritto; e, nel disfare la valigetta, chiam˛ suo padre, gli domand˛ s'era contento. Egli venne dalla sua camera con la cravatta in mano e gli occhietti scintillanti. Altro che contento! Edith gli fece vedere due bei bottoni di rosa in un bicchiere posato sul cassettone e un volume di Lessing: Nathan der Weise. Li aveva anche suo padre i fiori sul cassettone e aveva la storia della guerra dei trent'anni di Schiller in tedesco. Che gentilezza di quel don Innocenzo e che accoglienza cordiale!


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Malombra
di Antonio Fogazzaro
pagine 519

   





Innocenzo Gott Mein Gott Innocenzo Edith Steinegge Marta Marta Milano Lessing Nathan Weise Schiller Innocenzo