Pagina (1/344)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      CAPITOLO PRIMO
     
      AB OVO
     
      La vecchia marchesa Nene Scremin stava spolverando ella stessa, in abito di ricevimento e con un viso arcigno, il suo salotto. Strofinava col fazzoletto le spalliere delle sedie appoggiate alle pareti, gl'intagli del canapŔ e delle poltrone, i piani delle cantoniere, la campana della pendola. Alzava uno a uno i candelieri dorati dalla caminiera di marmo nero, alzava dal tavolo di marmo bianco, uno a uno, i porta-fiori, i porta-ritratti, le bomboniere, i ninnoli accumulati da una serie favolosa di natalizi e di anniversari, strofinava il marmo, cancellava le piccole nuvolette di polvere, brontolando contro quel benedetto Federico che pretendeva di avere spolverato. Il povero Federico, mezzo storpio, mezzo sdentato, mezzo calvo, capit˛ in quel punto, nella sua blusa di fatica, a dirle che c'era il giardiniere vecchio, quello licenziato da due mesi, e che desiderava di parlarle.
      Ch'el speta!
      disse la marchesa. "E vu, benedeto, cossa feu che no ve vestÝ? No savý che xe marti? Che spolverar feu, vu? No vedý che stala che xe qua?"
      Che stala?
      fece Federico, intontito. "Che stala? Cape, mi so che son sta qua do ore stamatina."
      Ben, gavarý dormýo. GÓi portÓ l'ovo a la Tonina?
     
      La Tonina era una vecchia cameriera inferma, mantenuta dagli Scremin per caritÓ. Federico dichiar˛ di non sapere se a mezzogiorno le avessero portato il solito uovo, e in quel punto venne la cuoca a ripetere il messaggio del giardiniere licenziato. Ne seguý un battibecco fra i due servi, appunto per questa replica non richiesta, malgrado la presenza della padrona.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Piccolo mondo moderno
di Antonio Fogazzaro
Ulrico Hoepli Milano
1909, pagine 344

   





Nene Scremin Federico Federico Federico Tonina Tonina Scremin