Pagina (123/500)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Tommaseo. - ╚ assurdo l'addurre quello che chiamano consenso delle genti nelle questioni metafisiche, del qual consenso non si fa nessuna stima nelle cose fisiche e sottoposte ai sensi. Leopardi;
      quando il relativo Ŕ posposto ad un nome o pronome o verbo, da cui dipende nella medesima proposiz. relativa. Avea trovato (il giudice) tra due litiganti, uno de' quali perorava caldamente la sua causa. Manzoni. - Era questo uno stanzone, su tre pareti del quale eran distribuiti i ritratti de' dodici Cesari. ManzonÝ. - Don Abbondio non si curava di quei vantaggi, per ottenere i quali facesse bisogno d'adoperarsi molto o d'arrischiarsi un poco. Manzoni;
      quando la proposizione relativa Ŕ staccata notabilmente dalla principale, o dando principio a un nuovo periodo, o ad un membro nuovo del periodo medesimo. Fu in Perugia un giovane, il cui nome era Andreuccio di Pietro, cozzone di cavalli: il quale avendo inteso che a Napoli era buon mercato di quelli .... con altri mercatanti lÓ se n'and˛. Boccaccio. - Il fanciullo, come sentito l'ebbe cadere, cosý corse a dirlo alla donna. La quale, corsa alla sua camera, prestamente cerc˛ se i suoi panni v'erano. Boccaccio. (Vedi Parte II, nel capitolo delle Proposizioni relative);
      quando il relativo deve, per chiarezza, distinguere il singolare dal plurale, e il maschile dal femminile, e viceversa (ufficio, a cui non basta che voce indeclinabile). Dove egli si posa, dintorno a quello si aggirano, invisibili a tutti gli altri, le stupende larve giÓ segregate dalla consuetudine umana, le quali (che o cui sarebbero equivoci) esso Dio riconduce per quest'effetto in sulla terra.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Sintassi italiana nell'uso moderno
di Raffaello Fornaciari
Sansoni Firenze Editore
1881 pagine 500

   





Cesari Abbondio Perugia Andreuccio Pietro Napoli Vedi Parte II Proposizioni Dio