Pagina (224/500)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      - Trovato Ruggieri dormendo (dormente, che dormiva). Boccaccio. - Ma maniera affatto fuori d'uso nella prosa, e che porterebbe equivoco. Potrebbe usarsi qualche volta in poesia come felicemente l'us il Tasso: Fra i suoi duci sedendo il ritrovaro; per sedente.
     
      CAPITOLO XXIII
     
      Le tre forme dei verbi transitivi.
      (Gramm., Parte II, cap. XXV e XXVI)
     
      1. FORME DEL VERBO TRANSITIVO. Il verbo transitivo pu avere, come dicemmo nella Grammatica, tre forme; nell'una il soggetto fa l'azione significata dal verbo, p. es. Io batto (qualche cosa o persona) e perci essa dicesi forma attiva (dal latino agere, operare): nella seconda il soggetto fa l'azione sopra s medesimo, p. es. mi batto (batto me stesso), e questa dicesi forma riflessiva, poich l'azione si riflette nel soggetto stesso, e ritorna donde part: nella terza forma, il soggetto patisce o sperimenta in s l'azione fatta da qualche cosa o persona fuori di esso, p. es. io sono battuto; e tal forma dicesi, per conseguenza, passiva. Solo il verbo attivo pu avere un vero oggetto, cio una cosa o persona che riceva in s l'azione prodotta dal soggetto; la qual cosa o persona diviene soggetto, quando il verbo assume forma passiva; p. es. io batto il cane, il cane battuto da me. Vedi la Parte II nel capitolo dove si tratta del soggetto.
     
      2. TRANSITIVO INTENSIVO. La forma attiva dei verbi transitivi si rafforza non di rado colle particelle pronominali corrispondenti a ciascuna persona (mi ti si, ci vi si), per significare che l'azione come concentrata nel soggetto, il quale la opera pi intensamente.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Sintassi italiana nell'uso moderno
di Raffaello Fornaciari
Sansoni Firenze Editore
1881 pagine 500

   





Ruggieri Tasso Fra Gramm Grammatica