Pagina (257/500)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      - Quantunque quivi (in campagna) cosý muojano i lavoratori, come qui fanno i cittadini; v'Ŕ tanto minore il dispiacere ecc. Boccaccio. - Ma guardate Signor, che ivi Ŕ teso Fra l'erbette leggiadre un laccio adorno. Montemagno. - Venne a Gerusalemme e quivi accolta Fu dal tiranno del paese ebreo. Tasso.
      Indi, quindi e quinci valgono di lý, di lÓ ecc. ma si adoperano pi¨ spesso come congiunzioni, che come avverbii. Vedi il cap. delle congiunzioni.
     
      ž 9. AVVERBII LOCALI CON PREPOSIZIONI. Gli avverbii locali possono esser preceduti dalle preposiz. di e per. Volendosi di qui partire. Boccaccio. - Non sento io di costÓ il compare. Boccaccio. - Colui che attende lÓ per qui mi mena. Dante. - La prep. in non pu˛ precedere altro che qua, costÓ, e lÓ; nŔ certo si direbbe in qui, in costý, in lý. Le prep. da ed a non si adoperano con tali avverbii se non quando si vuol significare uno spazio di tempo o di luogo circoscritto fra due termini, come da qui in su, da qui a pochi dý, da qua a lÓ, da indi in su, da ivi a pochi giorni ecc. Risplendendo da qui a lÓ spessi lampi ecc. Serdonati. - Da indi in lÓ si va per acqua. Boccaccio.
      Qui, qua e di qua talora significano, figuratamente, in questa vita o in questo mondo; e lÓ e di lÓ, nell'altra vita o nell'altro mondo. Disciolta di quel velo Che qui fece ombra al fior degli anni suoi. Petrarca. - Mai veder lei Di qua non spero, e l'aspettar m'Ŕ noja. Petrarca. - Queste cose giovano molto a quei di lÓ. Boccaccio. - Quindi la frase esser pi¨ di lÓ che di qua per esser pi¨ morto che vivo, o vicino alla morte.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Sintassi italiana nell'uso moderno
di Raffaello Fornaciari
Sansoni Firenze Editore
1881 pagine 500

   





Fra Gerusalemme