Pagina (397/500)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      (Vedi P. II, cap. V, nota in fine).
      Quando il dubbio si riferisce al predicato stesso della proposizione, trattandosi di sapere se qualche cosa o non , si adopera sempre la cong. condizionale se. Nissun domanda se la strada buona. Ariosto. - Pensa, lettor, s'io mi disconfortai. Dante. - Fece un rapido esame se avesse peccato contro qualche potente. Manzoni.
      Quando il dubbio si riferisce intorno ad altri elementi della proposizione, trattandosi di sapere il come d'un fatto, allora si adoprano gli stessi pronomi relativi che valgono per l'interrogazione diretta. (Vedi sopra, 14). Io non so chi tu sii n per che modo Venuto se' quaggi. Dante.
     
      18. Spesso la interrogativa indiretta colla cong. come tien luogo d'una prop. oggettiva colla cong. che, e ci specialmente dopo i verbi dire, dichiarare, spiegare e sim. ovvero sentire, sperimentare, provare, vedere ecc. Dicendo come era sano. Novellino. - Pens di scrivere com'egli era vivo. Boccaccio. - Facendo intendere com'eglino erano matti. Machiavelli. - Noi abbiamo riferito come la sciagurata signora desse una volta retta alle sue parole. Manzoni. - Subito conobbe come i vicini lo stimavano poco. Machiavelli. (Vedi P. I, cap. XXV, 24 verso la fine).
     
      19. ELLISSI NELLE PROPOSIZIONI INTERROGATIVE. Spesso dopo pronomi od avverbii interrogativi si sottintende ripetuto il verbo precedente. Sperando e non sapendo che (cio che cosa sperarsi). Boccaccio. - S'and aggirando e non sapeva dove. Ariosto. - Renzo se n'and senza dir dove (dove andasse). Manzoni.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Sintassi italiana nell'uso moderno
di Raffaello Fornaciari
Sansoni Firenze Editore
1881 pagine 500

   





Vedi P Vedi Venuto Vedi P