Pagina (443/500)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      - Caro mio signor Giacinto. Redi. - O caro duca mio. Dante. - Mio caro Manzoni. Giusti. - Mia cara amica. Giusti.
      Il pronome si pu anche interporre, purch il sostantivo preceda; p. es. padre mio caro, amico mio dolcissimo. Con aggettivi sostantivati caro, diletto ecc. il possessivo si pu anteporre e posporre. Anzi caro mio differisce nel senso da mio caro, e piglia un certo colore ironico.
     
      11. I pronomi DIMOSTRATIVI DETERMINATI aggettivamente usati stanno, come l'articolo, in principio della locuzione, tanto se il sostantivo solo, quanto se preceduto da aggettivi; p. es. questo libro, questo bel libro, quel pregiato e piacevolissimo libro ecc., quel tanto lodato volume ecc., que' pochi uomini, que' due sventurati ecc. ecc. Stesso si pospone o antepone. Nel tronco stesso e fra l'istessa foglia. Tasso.
      Nello stile poetico frequente l'interposizione di complementi con preposizioni. Per questa di bei colli ombrosa chiostra. Petrarca. Spesso anche vi si frappongono proposizioni attributive. Simile a quel che l'arnie fanno rombo. Dante. - Vedi il cap. II.
      Quanto ai pronomi stesso, medesimo, deve pure notarsi che nel significato di anche si pospongono sempre ad altri pronomi e specialmente ai personali puri; p. es. esso stesso, colui medesimo, quello stesso; io medesimo, voi stessi, loro medesimi ecc. Con sostantivi possono anteporsi o posporsi; p. es. lo stesso Dante, Dante stesso. Medesimo nel significato di anche si pospone. Il valore de' Francesi era animato dalla presenza di Napoleone medesimo.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Sintassi italiana nell'uso moderno
di Raffaello Fornaciari
Sansoni Firenze Editore
1881 pagine 500

   





Giacinto Manzoni Dante Dante Francesi Napoleone