Pagina (255/356)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Egli non manifestava esteriormente i suoi timori, ma nel fondo dell'anima sentiva un presentimento invincibile di sciagura.
      Comunque, egli ordin˛ un sistema di marcia con tutte le precauzioni richieste in circostanza di pericolo. P... colla sua centuria, assottigliata dalle diverse pugne, continu˛ a fare l'avanguardia. La centuria di Muzio, con cui trovavasi Nullo, occupava il centro; seguivano i veicoli e le barelle dei feriti, e la retroguardia fu affidata alla centuria d'Orazio, comandata dal tenente Ezio in sostituzione del capitano ferito gravemente.
      Alcuni veicoli, che prima si chiamavano dell'Intendenza, servivano pei feriti, e se qualche briciolo d'alimento esisteva nella brigata, questo era ben custodito nel sacco o nella saccoccia di alcuni militi.
      Tra Taliverna e Venafro scorre il Volturno, ancora torrente e colle sponde scoscese. Lo stradale traversa quasi perpendicolarmente il fiume su cui esisteva un ponte che venne minato dai borbonici; e fu in questo luogo ove il generale Corvo ammass˛ tutti i suoi mezzi di resistenza. E veramente, per opporsi ai progressi dei liberi italiani, sito pi¨ conveniente e pi¨ formidabile, era ben difficile trovare.
      Lina, Virginia e Marzia marciavano nel centro in coda alla centuria di Muzio, ove occupavansi anche della custodia dei feriti. - Esse avevano partecipato alle antecedenti pugne, armate di carabina, e mettendo piede a terra quando abbisognava. In Isernia per˛ erano state obbligate di cedere i loro cavalli per l'inesorabile bisogno di mangiare e di avere del brodo.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

I Mille
di Giuseppe Garibaldi
Tipogr. Camilla e Bertolero
1874 pagine 356

   





Muzio Nullo Orazio Ezio Intendenza Taliverna Venafro Volturno Corvo Virginia Marzia Muzio Isernia