Pagina (9/96)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      E di alcuni principţ di questo libro si giov˛ assai nelle sue lezioni di Pedagogia all'UniversitÓ, per quello che si attiene alla morale disciplina e soprattutto all'educazione fisica, come pu˛ vedersi nel trattato pedagogico del Kant paragonato coll'Emilio. Ma nel resto, egli sapeva discernere benissimo gli errori e l'esagerazioni del filosofo ginevrino anche in fatto d'educazione; e quindi se il Kant (come osserva il Barni) Ŕ per alcuni rispetti un discepolo di Rousseau, si mostra per˛ un discepolo indipendente, e che mira e va pi¨ alto nel correggere il suo maestro.
      Il gran segreto del perfezionamento del genero umano Ŕ riposto nel problema dell'educazione. Queste parole del Kant sono l'espressione fedele del pensiero generale del secolo XVIII, detto a ragione il secolo dei lumi e del progresso. Allora fu meglio compreso che dall'educazione dipende l'avvenire del genere umano, e che indi essa Ŕ il pi¨ efficace strumento del civile progresso. Questa nuova idea, tanto profonda nell'aspetto teorico quanto feconda di buoni risultamenti nell'aspetto pratico, fu dal Kant, giÓ riformatore della filosofia speculativa e pratica, sviluppata sapientemente e bandita con ardore d'apostolo nelle lezioni di Pedagogia. ╚ da notarsi che in queste lezioni il Kant non segue il metodo ed i risultamenti teorici ai quali pervenne col suo criticismo filosofico nella Critica della Ragion pura e nella Critica del Giudizio; ma si attiene generalmente ai principţ stabiliti nella sua Filosofia pratica, conformando le massime dell'educazione morale alle sue dottrine morali, religiose, giuridiche e politiche.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La pedagogia
di Immanuel Kant
Paravia Torino
1925 pagine 96

   





Pedagogia UniversitÓ Kant Emilio Kant Barni Rousseau Kant Kant Pedagogia Kant Critica Ragion Critica Giudizio Filosofia