Pagina (166/449)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ma questi, essendo stato prevenuto del disegno, s'era posto in salvo; tutte, per˛ le sue carte, e i suoi libri caddero in mano dell'Inquisizione; ci˛ che mise nell'imbarazzo molti de' suoi concittadini e specialmente quelli, ch'erano stati con lui nella pi¨ stretta amicizia. Fillippo, dopo essere rimasto per qualche tempo nascosto, ebbe influenza bastante per farsi eleggere podestÓ, [238] o primo magistrato a Trento, il che lo protesse dagli attacchi de' suoi nemici (360). Tornato in calma il suo paese nativo, arrischi˛ dopo pochi anni di ricomparirvi; ma nel 1556 si lev˛ una nuova tempesta. Gl'inquisitori ricominciarono a fiutare per ogni luogo in cerca d'eretici, e molti furono posti io prigione, Lodovico Castelvetro, Fillippo Valentino, suo cugino Bonifazio, prevosto della cattedrale di Modena, e Antonio Gadaldino, stampatore, furono citati, come le persone di pi¨ grande importanza, a comparire al tribunale dell'inquisizione di Roma. I due ultimi furono presi e condotti sotto scorta alla capitale, dove furono gettati nelle carceri di quel tribunale; Gadaldino fu convinto di aver venduto libri eretici, e rimase in prigione. Bonifazio Valentino avendo confessato i suoi errori, fece una pubblica, e solenne ritrattazione nella chiesa della Minerva a Roma, il di 6 maggio 1558 e mandato a Modena, fece la stessa confessione il di 29 del mese, nella sua propria cattedrale. Castelvetro e Fillippo Valentino, vedendo il pericolo a cui erano esposti, provvidero colla fuga alla loro salvezza, per cui fu fulminata in Roma contro di loro la sentenza di scomunica in contumacia.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Istoria del progresso e dell'estinzione della Riforma in Italia nel secolo sedicesimo
di Thomas MacCrie
Tipogr. Lavagnino Genova
1858 pagine 449

   





Inquisizione Trento Lodovico Castelvetro Fillippo Valentino Bonifazio Modena Antonio Gadaldino Roma Gadaldino Valentino Minerva Roma Modena Fillippo Valentino Roma