Pagina (33/232)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Alla foce stava preparato un naviglio di settanta barchette e sulle ripe alcuni gruppi di gente armata; quivi fucilieri, costý cacciatori, colÓ guide, in silenzio, mentre sull'attigua spiaggia dello stretto riagitavansi e romoreggiavano migliaia di soldati nell'imminenza della ritirata.
      Il Generale mi mand˛ al capo d'ogni gruppo per ordinare l'imbarco di tre uomini in ciascuna barchetta. Ridiscesi noi a mare, le settanta navicelle circondarono il nostro palischermo. Il Generale rapidamente spartille in isquadre distinte per numeri. Ciascuna barchetta governavano quattro rematori siciliani e un timoniere. Vi ebbe nel primo istante un po' di confusione; mancavano i revolvers, le scale d'assalto, alquanti soldati e parte della munizione. Alfine tutto fu in punto. Quand'ecco le guide, armate di carabine, s'accorgono che le cartucce superano la portata dell'arma; se ne sparge la notizia.
      - Generale, grid˛ il non troppo accorto comandante della spedizione, le cariche non vanno alle carabine. Il momento era supremo; ogni indugio impossibile. Prontamente e con accento soggiogatone, Garibaldi rispose: - Fatevela a pugni!
      S'udý un sý collettivo ed elettrico. Indi, ordinatomi di entrare nella barchetta del comandante, maestrevolmente svilupp˛ in un girar di ciglio quell'ingombro galleggiante che a foggia di spira avvolgeva la sua lancia. I tamburi avevano giÓ battuta la ritirata. La quiete regnava profonda. Noi non udivamo che la voce di Garibaldi a intervalli, sonora, concitata, onnipotente.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La camicia rossa
di Alberto Mario
pagine 232

   





Generale Generale Garibaldi Garibaldi