Pagina (35/232)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Verso il mezzo dello Stretto la luce rossa dei fanali e il distinto brontolio del vapore che scaricava dal minor tubo, ci segnalavano due o tre altre navi da guerra nemiche.
      - In che l'oggetto della spedizione? dimandai al comandante, amico mio.
      - Nell'assalto inopinato del forte di Alta Fiumara, durante la notte. Dianzi travestito penetrai in Calabria, m'affiatai con qualche sergente calabrese mio compaesano; fo capitale sovra una parte del presidio. Padroni del Faro da un lato, la presa di Alta Fiumara assicurerÓ il transito dell'esercito, impedendo col fuoco dei due forti di fronte l'avvicinarsi dei legni di Francesco II.
      - Conducesti teco le guide del luogo?
      - No, le troveremo di lÓ. Appena a terra, egli mi commise, dividerai il corpo in tre schiere, piglierai il comando di quella di destra e risalirai il torrente fino alla strada quetamente, indi piegando a sinistra, assalirai il forte dalla parte superiore, le altre l'investiranno dal lato opposto. Una scala ad ogni cinque uomini. Mi fu promessa una porta aperta: il resto colle scale, coi revolvers, colle baionette. Un colpo di cannone annuncierÓ al dittatore il fatto compiuto.
      Santo diavolone! Un vapore! Siamo perduti! ulularono esterrefatti i nostri rematori.
      Il pauroso grido vol˛ di barca in barca, come eco cento volte ripetuta. Girai l'occhio sulle barche seguaci, e notai un attimo di sosta; un moto oscillatorio agitava quella magica curva natante, che solo si discerneva pel solco argenteo dell'acqua e per le fosforiche scintille provocate dal colpo dei remi.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La camicia rossa
di Alberto Mario
pagine 232

   





Stretto Alta Fiumara Calabria Faro Alta Fiumara Francesco II