Pagina (158/232)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Nella battaglia campale e decisiva del 1░ e del 2 ottobre li abbiamo battuti e fiaccati irreparabilmente; ne facemmo cinquemila prigionieri, e li riducemmo all'impotenza di assaltarci. Ma che per ci˛? Cinquantamila armeggiano lÓ tuttavia, sufficienti, se noi lontani, a ripigliare il perduto. Andremo a Roma, non mancherÓ tempo. Impossibile adesso.
      - Giustissimo. Forse, appena giunti a Napoli, quando l'Europa stupefatta pareva dubitasse se voi foste uomo o nume ...
      - Ma vi giungemmo soli. Di molte tappe a noi s'addietrava l'esercito, e contro i soldati di Bonaparte bisogna la ragione della baionetta.
      - V'ha un mezzo, generale, se non m'inganno. E quivi egli fece un segno d'attenzione con un tantino d'ironia sulle labbra e dentro gli occhi. Si afferma che procedenti dalle Marche ci visitino i Piemontesi. Lasciandoli alla cura dei cinquantamila borbonici, non potremmo noi frattanto in ventimila irrompere per altra via su Roma?
      - I Piemontesi vi si opporrebbero; donde la necessitÓ di aprirci il passo coll'armi. La guerra civile... no!
      - Se stesse a me, generale, non andrei a Roma, nÚ vorrei i Piemontesi a Napoli.
      - Che cosa fareste? Sentiamo anche questa.
      Mi chiuderei nelle Due Sicilie finchÚ vi avessi organizzata la libertÓ e un grand'esercito di patrioti. Poscia direi ai Piemontesi: "Fratelli cari, dobbiamo emancipare Roma e Venezia; sia gara fra noi di chi fa meglio. Indi il plebiscito".
      - So che vorreste la repubblica. Io sono repubblicano come voi; ma la mia repubblica consiste nella volontÓ della maggioranza.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La camicia rossa
di Alberto Mario
pagine 232

   





Roma Napoli Europa Bonaparte Marche Piemontesi Roma Piemontesi Roma Piemontesi Napoli Due Sicilie Piemontesi Roma Venezia