Pagina (214/232)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Eppure il supplizio era giusto e necessario. Frattanto i tre giunsero alla presenza di lui e degli intenti battaglioni. Garibaldi, saettatili con uno sguardo di Giove Tonante: - Togliete loro la spada, disse al marchese Trecchi, e a Nullo: - Strappate dai berretti le insegne del grado.
      Il marchese li disarm˛, e Nullo gett˛ con forza a terra gl'infranti fili d'argento. I tre non morirono. Ma io vidi tramontare dal loro volto il lume divino dello spirito.
      Quindi il generale arring˛ con eloquenza antica l'intrepida divisione, e rivoltosi ai tre impietrati: - A voi, tuon˛ con gesto come di maledizione, non avanza che di prendere un fucile e di farvi ammazzare agli avamposti.
      I loro nomi disonor˛ per sempre la Gazzetta Ufficiale dell'indomani.
      - All'alba si passa il Volturno; voi starete a' miei ordini; coll'usato cipiglio imperatorio dissemi la sera il colonnello Paggi.
      - Distaccati dal generale?
      Ed egli con visibile compiacenza, sicuro di seccarmi: - Distaccati.
      E mi tocc˛ d'inghiottire la nuova pillola.
      Durante la notte oscurissima, procedendo a tentoni, potetti malagevolmente disporre alla marcia, secondo le ingiunzioni ricevute, le brigate Milano e Eber, che serenavano fra le vigne di costa sulla strada. Verso la fine dell'opera mia sopraggiunse il colonnello Paggi e m'invit˛ di condurlo sul luogo della colonna di Piero Balzani. A dieci minuti di lÓ, chiestemi le indicazioni necessarie, mi rimand˛ al brigadiere Eber. Nel separarmi da lui: - ╚ meglio, l'ammonii, che camminiate sulla strada per togliervi dalle vie incassate.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La camicia rossa
di Alberto Mario
pagine 232

   





Giove Tonante Trecchi Nullo Nullo Gazzetta Ufficiale Volturno Paggi Milano Eber Paggi Piero Balzani Eber