Pagina (12/61)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Dopo tre secoli, vediamo inuzzolire per la stessa cantaride istrionica, invanire per lo stesso farnetico, pi d'uno!
      Antico il dissenso fra gli attori: antichi fra esseri, tanto commovibili, i puntigli sorti dalle convenienze di palcoscenico, che gi ispiravano s felicemente a burlarsene, nel modo pi leggiadro, il padre della Commedia italiana.
      Come oggi, anche allora - vedete che nulla cambia nel mondo e si parla tanto di progresso! - gli attori andavan di frequente da una Compagnia all'altra: non trovavano mai, n capocomici, che ne apprezzassero tutto il genio, n camerati, che s'inchinassero abbastanza!
      Da Cremona, il 4 decembre 1595, il Martinelli scrive a un familiare del Duca di Mantova:
     
      Quello che V. S. si da operare per me si che dica a Sua Altezza S.a se si vole servire di me questo carnevale, de la mia parte in comedia, chel mi comandi che ad ogni minimo suo cenno io sar prontissimo a venirlo a servire: et se mi son partito dalla Compagnia di Pedrolino, io ne auto mille occasioni, bench (?) vogliono essere patroni et non compagni, et io non essendo uso a servire, mi pareva che mi facessero torto: et per questo e per altre cose, io mi son partito, ma non sono anco stato il primo, che tre o quattro altri si son partiti inanzi di me per tante insolencie che costoro usano a' suoi compagni.... V. S. mi dia avisi qui in Cremona, nella Compagnia della signora Diana, comica, et pu indirizare le lettere a messer Giambatista Lazarone, comico, che lui me le far avere, et la prego, dentro o fora darmi aviso a ci sapia quello che da fare.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

L'epistolario d'Arlecchino
(Tristano Martinelli 1556-1631)
di Tristano Martinelli
Editore Bemporad Firenze
1896 pagine 61

   





Commedia Compagnia Cremona Martinelli Duca Mantova Sua Altezza S Compagnia Pedrolino Cremona Compagnia Diana Giambatista Lazarone