Pagina (47/134)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Guarda, osserva, contempla, ed un pensiero gli frulla per la mente. Valeva la pena d'essere imperatore? Non era meglio render felici le genti col suo canto? Un cortigiano l'avvicina collo spavento sul volto. Nella Gallia celtica scoppiata la rivoluzione. Giulio Vindice, rampollo degli antichi re di Aquitania e vicepretore di quella provincia, ha fatto sventolare la bandiera della sommossa, ha dichiarato che l'impero non pu sopportare pi a lungo un tiranno come Nerone, lo ha dichiarato decaduto da trono e marcia contro Roma.
      Egli diventa pallido dallo sdegno e sfoga la propria collera sul malaugurato cortigiano, sugli oggetti che lo circondano, su certi vasi preziosi, d'immenso valore, su certi ninnoli, che si trovano sui tavoli di marmo; getta tutto a terra, spezza, frantuma, rovina.
      - Egli vuole cingere la corona imperiale? domanda.
      - No. L'ha offerta al vecchio senatore Sulpicio Galba, governatore della Spagna.
      - A quel vecchio imbecille? Sotto qual titolo? freme il tiranno.
      - Perch congiunto dell'imperatrice Livia.
      - Galba ha accettato?
      Il cortigiano non lo sa. Novelle collere dell'Augusto.
      - Va! Domanda; informati. Galba condannato a morte. Sicari vadano nelle Spagne per eseguire la condanna. Centomila sesterzi a chi mi porta la sua testa o pu provarlo di averlo giustiziato, urla.
      Il cortigiano lieto di poter allontanarsi dalla presenza dell'infuriato signore col pretesto di eseguire gli ordini.
      Egli urla, grida, freme. La corona imperiale spetta soltanto a lui, all'erede del divino Augusto, all'immortale Apollo, che si degnato rivelarsi ai mortali.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

I sogni dell'anarchico
di Ugo Mioni
Libreria Artiginelli Milano
1922 pagine 134

   





Gallia Vindice Aquitania Nerone Roma Sulpicio Galba Spagna Livia Augusto Spagne Augusto Apollo