Pagina (30/272)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Durante le lunghe marcie, ogni peso, ogni imbarazzo le tocca di pien diritto. I Gallas lasciano le loro donne fendere penosamente la terra, lavorare, seminare, mietere, battere e raccogliere il grano.
      Lo stesso lavoro Ŕ rigorosamente imposto alla donna nel Congo, nella Guinea, nella Senegambia, nel Benin, nel Bournou, nel Mataman, nella Caffreria. Quel motto, Ce n'est rien - c'est une femme qui se noie, Ŕ praticato dagli indiani con una bonomia men fina, ma pi˙ vera di quella di Giovanni Lafontaine. Nelle improvvise innondazioni del Nilo, essi si occupano dapprima dei loro armenti, poi dei bambini, quindi dei vecchi, e finalmente, e dopo tutto, si ricordano delle donne.
      Agli Stati Uniti, all'epoca in cui gli inviati dei popoli che comprano ogni anno coi presenti la lor libertÓ, fanno ritorno ai nomadi penati, una folla di piroscafi risalgono il fiume maestoso. Gli uomini fumano pacificamente nel fondo delli schifi la loro pipa, e le donne, oppresse dalla fatica, tirano le barche colle corde; e nelle ore di sosta, stendono le reti e gli altri utensili da pesca, tagliano legna, prendono cura dei bambini, e preparano il pranzo agli oziosi mariti e li servono in tutto.(4)
      Attraverso le vergini foreste gemono dolori secolari. I dolori della donna vi si moltiplicano pi˙ che le sue gravidanze, pi˙ che i peli delle sue palpebre sÝ sovente bagnati di lagrime. Presso i Mohawkse, e generalmente nelle trib˙ dei cacciatori, la donna deve cercare e portare come un cane la caccia fatta dal marito, che crederebbe offendere la sua dignitÓ caricandola sulle proprie spalle.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La liberazione della donna
di Anna Maria Mozzoni
pagine 272

   





Gallas Congo Guinea Senegambia Benin Bournou Mataman Caffreria Giovanni Lafontaine Nilo Stati Uniti Mohawkse