Pagina (101/272)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ma lo spirito retrivo e conservatore che l'informa tale, che il Codice Sardo attualmente vigente vi poco men che esattamente ripetuto. Io non far dunque che rimandare i miei lettori, che volessero occuparsi di ci, agli ultimi capitoli della recente pubblicazione La Donna e i suoi rapporti sociali.
      Saremmo ingiusti per se non accennassimo alla sanzione del matrimonio civile dal Senato, apposta alla proposta ministeriale. Se, come in questo, in altro ordine di cose avesse questa rispettabile magistratura tenuto conto dei tempi che corrono, del grado attuale di civilt, del grande e precoce sviluppo dell'attuale generazione, dell'indirizzo politico che il paese ha assunto, dei liberi e giovani principii in nome dei quali risorto e che reclamano pi libere norme di vita civile, certo non si sarebbe mostrata cos soprafatta dal progetto del ministro.
      Fra l'Italia del secolo decimonono e l'Italia di Giustiniano v' l'abolizione del feudalismo, vi sono secoli e secoli. Come va dunque che a s enorme distanza, la voce di Cicerone e di Triboniano suona pi alto all'orecchio dell'italico Senato che non l'opinione pubblica, il grido della filosofia, i voti unanimi di tutto un secolo e di tutta una nazione che gli romoreggiano intorno?
      Come va che questo venerabile consesso, gi tanto benemerito al paese per senno politico e legislativo, si volga indietro ad ogni passo a consultare l'adorato Digesto, e cento volte ed in cento maniere ripeta affannoso all'ardito ministro, badate, che non s' mai fatto cos?


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La liberazione della donna
di Anna Maria Mozzoni
pagine 272

   





Codice Sardo La Donna Senato Italia Italia Giustiniano Cicerone Triboniano Senato Digesto