Pagina (103/272)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Non possiamo per˛ conchiudere questo sunto senza porgere un giusto tributo di lode e d'ammirazione all'onorevole ministro, che nella sua bellissima relazione si mostra cosÝ bene all'altezza dei tempi, ed ha saputo nel suo progetto incarnare i principii dell'epoca e le aspirazioni della parte colta e pensante della nazione. Ma tanto pi˙ gli porgiamo lode in quanto non ci sono ignoti i vieti e tenaci pregiudizii della giurisprudenza colla quale dovea intendersi, e le conservatrici e retrive tendenze del Senato al cui tribunale dovea il suo lavoro comparire.
      Egli ha capito che parlar di riforma ed ispirarsi al passato Ŕ illogico, Ŕ assurdo, Ŕ incompatibile, epper˛, con vera sapienza, consult˛ il presente e l'avvenire, armonizzando le leggi colla filosofia, coi costumi e coi bisogni.
      Mentre caldamente desideriamo che la nazionale rappresentanza applauda e sancisca il lavoro del ministro, in vista dell'urgente bisogno in cui versa il paese di pi˙ libere istituzioni, non possiamo a meno di insistere a che si prendano in considerazione le tesi da noi poste.
      Ancora un passo, e l'Italia sarÓ a fianco alle pi˙ colte e pi˙ avanzate nazioni.
      III.
      RISPOSTA ALL'OPUSCOLO DELLA SIGNORA ELVIRA OSTACCHINI(9)
     
      In questa Risposta, la Mozzoni adopera la forma del dialogo, che i propagandisti popolari usavano spesso per diffondere le loro idee. Il tono Ŕ volutamente superficiale, ma il carattere piccolo-borghese del filisteismo proudhoniano Ŕ colto con chiarezza, e chiara risulta la denuncia del sentimentalismo di facciata, col quale veniva nascosta la discriminazione tra i sessi.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La liberazione della donna
di Anna Maria Mozzoni
pagine 272

   





Senato Italia Risposta Mozzoni