Pagina (255/319)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Dici che ogni dÝ l'isolamento si fa maggiore attorno la Prefettura, e t'inganni. Tutto il paese, tutti i buoni, tutti i non larvati amatori del presente ordine di cose sono col Prefetto Guicciardi, tranne i pochi (e tra questi pochi siete voi) che ebbero a lottare con lui, o temono di lottare con lui per la maledetta quistione della Sila. Di qui contro di esso un piccolo partito, la cui opinione non Ŕ quella del paese, e che fa al Guicciardi una guerra di piselli, bastantemente ridicola. Si mette a subasta la Difesa Nocella nella Sila; compare all'incanto il solo Berlingieri da Cotrone; il Guicciardi offre il ventesimo di pi˙, e sapete che dissero i gonzi? Dissero che il Prefetto intendeva farsi proprietario della Sila! Ed Ŕ in questa guisa che viene giudicato quell'uomo, che sapendo pur troppo il modo fraudolento, onde procedettero sempre tra noi le subastazioni di vaste proprietÓ demaniali, si studia d'impedirlo, anche a suo rischio e vergogna di essere manutengolo di nobili e civili furti, come gl'Intendenti d'una volta. E quando vi unite a codesti gonzi, voi parlate contro la vostra coscienza, caro signor Martire, voi fate torto a voi medesimo. Oh no! voi non dovevate negare i fatti da me riferiti, non falsare le mie parole: l'unico punto debole del mio articolo era la questione di convenienza. Doveva la Prefettura valersi d'un braccio d'un brigante presentato? Era qui la questione. Voi credete che non dovesse, credete che bastassero al bisogno le nostre milizie, e v'ingannate.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Persone in Calabria
di Vincenzo Padula
Parenti Editore Firenze
1950 pagine 319

   





Prefettura Prefetto Guicciardi Sila Guicciardi Difesa Nocella Sila Berlingieri Cotrone Guicciardi Prefetto Sila Intendenti Martire Prefettura