Pagina (29/159)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Si avanza circospetta sin oltre la piazza Belgioioso, e approfittando da una curva disegnata dalla via, si ferma in tal punto dove la luce delle due opposte lampade non potendo efficacemente pervenirvi, lascia in completa oscuritÓ.
      In allora dalla carrozza fa capolino un uomo, che guardando attentamente d'ambo i lati della via, apre la portiera e lascia scendere due robusti giovinotti.
      - Animo, lesti - disse poi rinchiudendosi di nuovo nella vettura e parlando dallo sportello; - tu, Piero, passeggia lÓ in fondo vicino al magazzino; appena la scorgi, ricordati del segnale convenuto; sopratutto non dar sospetti.
      E Piero, fatto un segno col capo, s'avvia al luogo indicato.
      - Tu, Tonio, fermati per intanto davanti ai cavalli, indi ti nasconderai nel vano di quella porta; prudenza e sollecitudine.
      Marco diede codesti ordini sottovoce.
      Passa una mezz'ora senza che nulla di nuovo succeda.
      ╚ tanto frequente il caso in Milano di vedere una carrozza fermata lungo la via, che niuno dei passanti concepisce il pi¨ piccolo sospetto; mille supposizioni d'altronde possono ampiamente giustificare quella sosta in un punto il pi¨ abitato della cittÓ.
      Marco, sbadigliando come uomo annoiato, osserva l'orologio.
      Mezzanotte sta per battere.
      - Ancora un momento, dice in cuor suo, eppoi ci poniamo in viaggio. Povera biondina, chissÓ come Ŕ lontana dall'immaginarsi la bella sorpresa che le abbiamo preparata. Un viaggetto in carrozza!... Eppure, Dio sa quante smanie; sar˛ costretto tenermela sempre nelle braccia, che non vorrei mi giuocasse qualche brutto tiro.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Una notte fatale ovvero Il ritorno dell'esiliato
Bozzetti Milanesi
di R.A. Porati
Editore Barbini Milano
1872 pagine 159

   





Belgioioso Piero Piero Tonio Milano Dio