Pagina (112/159)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      ..
      - ╚ la Marta certo, pens˛ il maggiordomo, ma per˛ non mi sono accorto mai che avesse cotanta educazione in corpo.
      - In quanto allo sposo, continuava il portinajo, Ŕ un uomo stimato da tutti per il posto eminente che occupa nella societÓ, di profondo sapere, di molta dottrina, che parla come un libro e che scrive come... un avvocato.
      - E questi son io, ripens˛ con compiacenza Nicodemo.
      - E malgrado le sue eccellenti qualitÓ, aggiunse Bastiano, il mio uomo Ŕ affabile con tutti e non isdegna neppure di trattare con della povera gente come per esempio saressimo noi... e figurarsi che tra noi e lui corre quella differenza che ci sarebbe fra... fra...
      - Ve lo dir˛ io, buon Bastiano, fra il campanile della nostra parrocchia ed il famoso picco della Mirandola.
      - Bravo, proprio quello che voleva dir io; eh, che ne pensa signor maggiordomo, scommetto che mi ha giÓ capito... gran bella cosa aver studiato, si piglia tutto al volo.
      - Hai ragione Bastiano, noi abbiamo giÓ intuito ogni cosa.
      E Nicodemo dava al suo sorriso un'aria di soddisfazione.
      - Davvero, ebbene? chiese Maddalena che aveva ascoltato coll'ansia nel cuore, credendo sempre si trattasse di sua figlia.
      - Vi posso dire sin da questo momento che tutto Ŕ giÓ combinato.
      - Combinato? gridarono insieme i conjugi Paglini.
      - Combinato. Eh, eh, sono un uomo io che le mie cose me le faccio da solo, non ho bisogno, dico... d'intermediari. Ho favellato testŔ alla ragazza.
      - E che le ha risposto? salt˛ su Maddalena con dolce impeto.
      - Ha accolto la mia proposta di matrimonio con enfasi.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Una notte fatale ovvero Il ritorno dell'esiliato
Bozzetti Milanesi
di R.A. Porati
Editore Barbini Milano
1872 pagine 159

   





Marta Nicodemo Bastiano Bastiano Mirandola Bastiano Nicodemo Maddalena Paglini Maddalena