Pagina (147/159)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      In questo punto Nicodemo mand˛ un grido di gioja.
      - Ah ci sono, ci sono, proruppe il buon uomo saltellando come un fanciullo attorno a Gervaso. Ma se lo dico io, ho una memoria che fa concorrenza a quella d'un creditore!
      L'attenzione di tutti si ferm˛ su Nicodemo.
      - Sentite Gervaso, continu˛, veramente dovrei incominciare a chiamarvi signor conte, ma per ora permettete, sto forse per rendervi un'immenso servigio e la gioja mi confonde le facoltÓ mentali. Sentitemi adunque e rispondete sinceramente, come lo fareste col vostro confessore, non ve ne pentirete certo. Vi ricordate ancora in qual giorno preciso successe quel duello nell'anno 1778?
      - Fu un venerdý del mese di Giugno. ╚ una data fatale ch'io non ho mai dimenticata.
      - Benissimo, proruppe Nicodemo, fin qui siamo d'accordo. E l'ora, dite, ve la rammentate?
      - Alle otto circa del mattino.
      - Di bene in meglio. E la localitÓ precisa?
      - Nel boschetto di fronte alla porticina segreta del castello Sampieri in Magenta.
      Gervaso cadde in profonda meditazione.
      - Ebbene, proseguý Nicodemo, non c'Ŕ d'attristarsi, quel duello vi fu fatale, Ŕ vero, ma io vi porto una splendida, dico... riabilitazione.
      - Spiegatevi!
      - Ecco: io sono oriundo di Magenta, ho lÓ i miei antenati. Diciott'anni or sono precisamente in un venerdý di Giugno io me n'andava ad assistere, dico... a certi lavori che si facevano su' miei fondi e rasentando il castello Sampieri attraversava il boschetto di tigli. Allorquando scorgo un ufficiale tedesco disteso al suolo in un lago di sangue.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Una notte fatale ovvero Il ritorno dell'esiliato
Bozzetti Milanesi
di R.A. Porati
Editore Barbini Milano
1872 pagine 159

   





Nicodemo Gervaso Nicodemo Gervaso Giugno Nicodemo Sampieri Magenta Nicodemo Magenta Giugno Sampieri