Pagina (54/147)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      I senzatutto (have nots) sbattono la giacca a sbrendoli sull'erba e si passano sulla pelle la camicia nuova con delle grida di gioia spasmodica. Vi si pavoneggiano e se la nascondono nella profondit dei calzoni stracci danzando. Si ribeve. Si bevono gli ultimi sorsi delle ultime bottiglie della conquista. Urraaa! Gli oratori hanno finito. Si sbuca in Park Lane e si corre pel quartiere ricco dell'ovest urlando. Il quartiere sente della giornata. Non c' un'anima. Le finestre sono chiuse, le porte sono chiuse, le botteghe sono chiuse. Tutto chiuso. Vedo un policeman che svolta e si salva. Tirando gi note mi si prende per una spia. Evviva! stenografo la vostra gloria. Urraaaaaa!
      In Park Lane ho dimenticato la mansion di lord Manvers. Veduta dopo la furia sembra un testimone sopravvissuto alla battaglia. Dovunque sono tracce della gragniuola dell'indignazione plebea. Il finestrato bollato dall'orgia dei sassi. Sulla facciata sono rimasti i colpi secchi dei tiratori. Le punte degli angoli sono state sbattute via con rabbia. Nel sud e nel nord di Audley street, in Grosvenor square, di qua e di l, di su e di gi, si schiamazza, si fanno in pezzi delle lastre di cristallo e si sgola l'uuuuuu! lungo, funebre, che fa fremere anche se nascosti in cantina. In Oxford street gli ideali degli insorti si levano a pi alti cieli. Non hanno pi fame. Irrompono dove il superfluo, dove folgorano i gioielli, dove splendono, nella lucentezza nitida, i topazi, gli opli, i diamanti a rosa, le gemme orientali, i cammi e il resto delle pietre cristallizzate, trasparenti, illuminate.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

I miei dieci anni all'estero
di Paolo Valera
pagine 147

   





Park Lane Park Lane Manvers Audley Grosvenor Oxford