Pagina (220/412)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      E Carlo mand˛ in campo di Francesco Maria don Ugo di Moncada; e Francesco mand˛ a Roma monsignor dell'Esc¨, fratello di Lautrech, e don Ugo pratic˛ con li fanti spagnuoli, che erono con Francesco Maria, e l'Esc¨ fece tenere pratica co' Guasconi et altri Franzesi che erono in quel campo. E finalmente, con certi danari che il Papa promisse a l'una nazione et a l'altra, si venne a composizione, nella quale si dispose che Francesco Maria lasciassi libero il ducato d'Urbino e se ne potessi tornare sicuro a Mantoa. E seguiti questi effetti, ebbe fine una guerra che dette al Papa grandissimo travaglio e spesa, quale non si crederebbe.
     
      E non ebbe solo Leone la guerra fuora, ma ancora in Roma, perchÚ scoperse una coniurazione di tre cardinali, San Giorgio, Petrucci e Sauli, quali operavano levarlo di terra con veneno. E ritenuti in Castello et essaminati, confessorono che lo sapevano due altri cardinali, Volterra et Adriano.
      Volterra in consistorio non si scus˛ in tutto nÚ accus˛, ma subito che uscý di Palazzo se ne and˛ a Fondi. Adriano, ancora lui, benchÚ il Papa gli volesse perdonare, si partý. E l'uno e l'altro di loro pag˛ certa somma di danari per la necessitÓ della guerra. San Giorgio ancora fu condannato in danari assai; Sauli messo [29r] in carcere, dove in pochi mesi, per tedio e dolore, morý; Petrucci deposto et incarcerato: e fu openione che in pochi giorni per forza fusse fatto morire.
     
      1518
      Il Papa, dopo questo, cerc˛ di fare una bona e solida amicizia con Francesco, re di Francia.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Scritti storici e politici
di Francesco Vettori
pagine 412

   





Carlo Francesco Maria Ugo Moncada Francesco Roma Esc¨ Lautrech Ugo Francesco Maria Esc¨ Guasconi Franzesi Papa Francesco Maria Urbino Mantoa Papa Leone Roma San Giorgio Petrucci Sauli Castello Volterra Adriano Palazzo Fondi Papa Giorgio Sauli Petrucci Papa Francesco Francia