Pagina (73/92)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Egli dal chiarissimo abate Anton Maria Salvini, di cui era stato scolare, sapeva di lingue orientali, della greca e molto valeva nella latina, particolarmente ne' versi; nella toscana componeva con uno stile assai robusto alla maniera del Casa, e delle lingue viventi, oltre alla francese, ora fatta quasi comune, era inteso dell'inghilese, tedesca ed anche alquanto della turchesca; nella prosa era assai raziocinativo ed elegante. Portossi in Napoli con l'occasione, come pubblicamente per sua bontÓ il professava, d'aver letto Il Diritto universale, che 'l Vico aveva mandato al Salvini; onde conobbe ch'in Napoli si coltiva una profonda e severa letteratura, e 'l Vico fu il primo che volle esso conoscere, con cui contrasse una stretta corrispondenza, per la quale or esso l'ha onorato di quest'elogio.
      Circa questi tempi il signor conte Gianartico di Porcýa, fratello del signor cardinale Leandro di Porcýa, chiaro uomo e per letteratura e per nobiltÓ, avendo disegnato una via da indirizzarvi con pi¨ sicurezza la giovent¨ nel corso degli studi, sulla vita letteraria di uomini celebri in erudizione e dottrina; egli tra' napoletani che ne stim˛ degni, ch'erano al numero di otto (i quali non si nominano per non offender altri trallasciati dottissimi, i quali forse non erano venuti alla di lui cognizione), degn˛ d'annoverare il Vico, e con orrevolissima lettera scrittagli da Vinegia, tenendo la via di Roma per lo signor abate Giuseppe Luigi Esperti, mand˛ al signor Lorenzo Ciccarelli l'incombenza di proccurarlagli.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Vita di Giovambattista Vico scritta da se medesimo
di Giambattista Vico
pagine 92

   





Anton Maria Salvini Casa Napoli Il Diritto Vico Salvini Napoli Vico Gianartico Porcýa Leandro Porcýa Vico Vinegia Roma Giuseppe Luigi Esperti Lorenzo Ciccarelli