Pagina (58/64)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Entrare in Italia, trovarvi mezzi da campare tra gli agricoltori, ricchezze tra la nobiltÓ da spogliare: ecco la tesi.
      Vincere il nemico e farsi fare le spese da lui era un vincere due volte", aveva detto Baudot alla Convenzione nel 1794. Buonaparte lo sapeva, non aveva bisogno di impararlo da lui".
      Come dice bene queste cose il grande storico Sorel! Trascrivo.
      Egli, Buonaparte, aveva venticinque anni. Nato c˛rso, s'era attaccato alla Francia per via della Rivoluzione. Portava nel sangue le passioni primitive che produssero questa Rivoluzione: all'odio e alla gelosia della nobiltÓ minore e povera contro l'aristocrazia congiungeva l'orgoglio ambizioso del popolo sovrano. Non era di quelli che avevano fatto la rivoluzione, ma di quegli altri a pro dei quali la rivoluzione era stata fatta.
      Egli la incarnerÓ in sÚ e dirÓ: "Io sono la Rivoluzione!". Sente in sÚ le passioni popolari del francese: disprezzo per gli stranieri, odio contro l'Inghilterra, desiderio di conquista, amor della gloria. FarÓ suo proprio lo splendore della gloria. FarÓ suo proprio lo splendore della Repubblica, e con questo splendore penetrerÓ il popolo e l'esercito della Francia. Ma, penetrandolo, lo dominerÓ".
      Non lui, ma l'uomo che egli doveva essere, era stato preconizzato nel 1790, nei primi tempi della Rivoluzione, quando questa era ancora quasi benevola e mite. Rivarol, uno dei membri della Legislativa, aveva detto: "O il Re avrÓ un esercito o l'esercito avrÓ un Re: le rivoluzioni finiscono sempre nella spada.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Cronache a memoria
di Giuseppe Cesare Abba
pagine 64

   





Italia Baudot Convenzione Sorel Buonaparte Francia Rivoluzione Rivoluzione Rivoluzione Inghilterra Repubblica Francia Rivoluzione Legislativa Buonaparte