Pagina (151/236)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Li spiriti infiammati mutano l'airo secunno qualitate de quella collora accesa. L'airo mutato se continua colla perzona che deve essere offesa. Nella perzona che offesa deo essere staco li spiriti temperati secunno la connizione dello suonno, comprenno l'ira dello omo sopra de s secunno alcuna specie, in tale specie o simile. Questa ne la rascione naturale la quale adduce lo filosofo. Dunqua non fu inconveniente se quello imperatore vidde in suonno l'arco de Attila rotto; ch per la morte de Attila l'airo mutao nello emisperio de parte in parte l'airo senza contradizzione, s che pervenne allo spirito dello imperatore dormente. Ora voglio tornare alla materia. Puoi che lo profietto obedo e assenao la rocca de Respampano, incontinente li fu rassenato in Maretima lo forte e opulente castiello de Cere, puoi Monticielli da priesso a Tivoli, Vitorchiano da priesso de Vitervo, la rocca de Civitavecchia canto mare, lo Piglio in Campagna e Puorto canto Tevere. Abbe allora alle soie mano le fortellezze, li passi elli ponti de Roma in tutto. Allora prese core e ordinao Ianni Colonna capitanio contra quelli de Campagna, se fussino rebelli, specialmente contra lo conte de Fonni, Ianni Gaietano; lo quale Ianni e li Campanini obediero. Lo profietto in segno de vera obedienzia mannao Francesco sio figlio per staio, moito onoratamente accompagnato. Allora Cola de Buccio de Braccia, uno potente che abita sopre le montagne de Riete, fuo e aizao de la pi corta longa da terra de Roma. Puoi fece in Campituoglio una moito bella cappella renchiusa con fierri stainati.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Cronica - Vita di Cola di Rienzo
di Anonimo romano
pagine 236

   





Attila Attila Respampano Maretima Cere Monticielli Tivoli Vitorchiano Vitervo Civitavecchia Piglio Campagna Puorto Tevere Roma Ianni Colonna Campagna Fonni Ianni Gaietano Ianni Campanini Francesco Cola Buccio Braccia Riete Roma Campituoglio