Pagina (42/118)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      NŔ solo i mammiferi e gl'insetti producono fosforo: ma anche i pesci. E spesso, in alto mare, le navi solcano larghe e lunghe strisce di onde, rese luminose da una quantitÓ immensa di animaletti fosforescenti.
      Eccoci alla fine della nostra lezioncina. Mi perdonate se ve l'ho battezzata per una novella? Avevo tanta paura che la saltaste a pie' pari! Ora noi sappiamo perfettamente che il fosforo Ŕ un corpo il quale ha l'apparenza della cera, di cui possiede la semi-trasparenza, il colore e la mollezza: sappiamo che il suo carattere principale Ŕ quello di mostrarsi luminoso nell'oscuritÓ, mediante il semplice contatto dell'aria: sappiamo che il Brandt, mercante di Amburgo, lo scoprý verso il 1669....
      Ma se vi ripetevo i casi di Berlinda e le bricconate di Barbabl¨, che cosa avreste imparato? Ditemelo!
     
     
     
      Un Baratto.
     
      (Dal quaderno d'una fanciulla).
     
      Quand'ero bambina, i miei genitori solevano passare qualche mese in certa loro villetta del Casentino, dov'era un gran bello stare, tanto per l'aria pura e balsamica, quanto per la vita semplice e alla buona che menavamo.
      LÓ, affinchŔ le vacanze non mi facessero dimenticare del tutto quelle po' di cosuccie imparate a Firenze, mi mettevano a scuola da una povera vecchia, secca allampanata, che ai suoi tempi, dicevano, aveva avuto del ben d'Iddio, ma che poi, per detto e fatto di un figliuolaccio discolo, s'era ridotta al verde.
      La prima mattina che andai a scuola da lei, la mamma mi aveva messo nel panierino una bella fetta di pan bianco con un grosso grappolo d'uva salamanna.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Lezioni e racconti per i bambini
di Ida Baccini
Edizioni Trevisini
1882 pagine 118

   





Brandt Amburgo Berlinda Barbabl¨ Baratto Casentino Firenze Iddio