Pagina (10/58)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Ma, anche in piena felicitÓ, una tristezza ammonitrice grava sull'anima di Poe e lo spinge a scrivere a Kennedy: "La mia situazione Ŕ, per molti aspetti, gradevole: e tuttavia mi sembra, ahimŔ!, che nulla possa pi¨, ormai, darmi piacere o una pur minima contentezza. Voglia scusarmi, caro Signore, se troverÓ molta incoerenza in questa lettera. I miei sentimenti, oggi, sono davvero lamentevoli. Soffro di un accasciamento, come non ne ho mai provato uno uguale. Ho lottato invano contro l'influsso di questa melanconia. Sono infelice, e ne ignoro il motivo. Mi consoli, se pu˛. Ma si affretti a farlo, o sarÓ troppo tardi..... Mi provi che Ŕ necessario ch'io viva.....mi persuada a compiere ci˛, che occorre compiere... abbia pietÓ di me".
      I sentimenti di Poe sono presentimenti. Pochi mesi trascorrono. E, improvvisa al pari della fortuna, sopraggiunge la sventura. Edgar, licenziato dalla rassegna, si trova di nuovo sul lastrico.
      Qualcuno gli aveva scritto: "Credo fermamente che tu sia sincero in tutte le tue promesse. Ma, Edgar, ho motivo di ritenere che, se tu rimetterai il piede in quelle strade, le risoluzioni s'involeranno e le tue labbra si tufferanno di nuovo nel liquido sino a farti perdere i sensi. Affidati alle tue sole forze, o sei perduto!... Fuggi la bottiglia e i compagni bevitori!". Lettera di onest'uomo che, guidato dal buon senso, comprende e prevede le altrui debolezze, ma ignora l'inutilitÓ dei consigli e degli sforzi per vincere le tenebrose leggi della fatalitÓ. Se Poe fosse stato una creatura normale, l'onest'uomo non avrebbe avuto neppur bisogno di scrivergli.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Edgar Poe
di Pierangelo Baratono
Formiggini Editore
1924 pagine 58

   





Poe Kennedy Poe Edgar Poe Edgar