Pagina (52/58)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ma nella voce rauca dell'ubriaco, per chi porga attento orecchio, si odon passare a ondate, malinconica parodia, le gioiose sonoritÓ e i disperati singhiozzi del poeta.
      Delicato strumento, barometro spirituale foggiato per registrare i pi¨ lievi mutamenti, il poeta lirico accoglie e incanala nella propria personalitÓ il continuo afflusso delle impressioni esteriori come la montagna accoglie le gocce dell'acqua piovana per avviarle, in gorgoglianti rivoletti, verso lo scroscio del fiume. Si chiamava, ieri, Catullo: e cantava i sensuali amori e la purpurea vita di Roma dominatrice; si chiamava Rudel, e cercava turbolento di ghermire la maggior avventura fra il tumulto di un'epoca ricca d'avventure; si chiamava De Musset, e tuffava la propria inquietudine nel gorgo di una generazione inquietissima.
      Poe era, anch'egli, un lirico. Ma era, anche, l'esule che guarda trasognato le sterili contrade offerte alla sua sete; era il pellegrino che, a piedi nudi, percorre un terreno irto di sassi; era l'orestiade, che fugge ululando, inseguito dalle furie del dubbio.
      Triste destino, oggi, nascer poeti! L'umanitÓ, straripando, immane fiumana, dagli argini, che la sorte le aveva costruiti, infuria contro tutto ci˛, che le sembri d'impaccio al cammino, e travolge con folle gioia ogni opera d'arte, ogni segno di bellezza. Livellatrice feroce, essa scaglia le proprie onde contro ogni cosa, che emerga, e sghignazza sguaiata a ogni crollo. Ma, forse, sa d'infuriare contro sŔ stessa. Forse, in questa spietata distruzione dei valori, in questa corsa sfrenata verso la volgaritÓ, c'Ŕ la febbre alta, la febbre della crisi, che segna il trapasso alla morte o il ritorno alla vita.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Edgar Poe
di Pierangelo Baratono
Formiggini Editore
1924 pagine 58

   





Catullo Roma Rudel De Musset