Pagina (65/254)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Una stretta di mano, buon diavolo, e ricordati della lezione!"
      Due magnifiche ali di cicogna gli si drizzarono sulle spalle. Diede contro il suolo un colpo di calcagno e si innalz˛ per l'aria, travolgendo dietro di sŔ l'innumerevole torma dei supplicanti, aspirata verso l'alto come da una poderosa attrazione di pompa. Ben presto l'enorme grappolo umano dilegu˛ nella luce diffusa del sole. Il diavolo rimase, solo rappresentante del sesso maschile, fra mezzo all'orda delle donne imprecanti, che, dopo aver guardato salire al cielo e sparire l'elemento un tempo forte della societÓ, si gettarono addosso a lui colmandolo d'ingiurie e di colpi.
      Ma l'aggredito scagli˛ in testa alla prima furia la sua valigetta, gett˛ l'ombrello fra i piedi della seconda e, cacciatesi le mani nei capelli, affid˛ la propria salvezza alle gambe.
      La jettatura del maestro PŔpere
     
      - Venga questa sera, mi disse la signora Guicci; faremo un po' di musica e proveremo il boston.
      E poichŔ, col fine intuito che contraddistingue le donne, aveva letto nei miei occhi la poca simpatia, che m'inspiravano i divertimenti offerti alla mia immaginazione, soggiunse in tono misterioso:
      - Senza contare che la presenter˛ al maestro PŔpere.
      Avevo sentito parlare molto e da molti del maestro Antonio PŔpere come del personaggio pi¨ curioso di quella cittÓ di provincia. Nell'ambiente di noia e di chiacchiere, che caratterizza la vita provinciale, la figura del maestro pareva si profilasse come una bizzarra oasi sopra un deserto di sabbie.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Ombre di Lanterna
di Pierangelo Baratono
1909 pagine 254

   





PŔpere Guicci PŔpere Antonio PŔpere