Pagina (174/254)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Del resto il mio Pietro istruitissimo e non ha bisogno di me. un diplomatico di prima forza! Anche nostro padre lo Czar parla di lui con molta stima e gli confida le faccende pi segrete. tanto intelligente e riservato; fin troppo serio! A volte mi fa pena vederlo con quel viso pallido e chiuso, con gli occhi spersi nello spazio e le labbra strette l'una all'altra. Non l'ho mai sentito ridere; e l'ho visto sorridere in due soli momenti. La prima volta, quando ci siamo conosciuti. Parlavamo insieme; ad un tratto, ho pronunciata una frase, che gli dev'essere sembrata ben sciocca, perch l'ha indotto al sorriso. I suoi lineamenti si sono rischiarati per la seconda volta allorch gli ho confessato che l'amavo tanto. Quel giorno m'ha baciata forte forte e poi m'ha alzata da terra come una bambola.
      Oh! la gente molta cattiva! L'invidia la costringe a sparlare, a scavare il terreno sotto i piedi dei pi forti. Anche Stefania invidiosa, perch lo vorrebbe per s. Si dice persino che abbiano "flirtato" un poco insieme, due anni or sono! Ma io li lascio discorrere tutti: sono cos contenta che m'ami!
     
     
     *

      * *
     
      Da due giorni sono inquieta, perch non vedo il mio Pietro. Ho mandato un servo a chiedere notizie a casa sua; ma gli hanno risposto che il padrone era partito senza lasciare ordini n indirizzo. Mio padre afferma che si tratta di qualche missione segreta, com' solito sbrigarne il mio fidanzato; ma ci non toglie che la mia posizione sia brutta, tanto pi che non posso aver sue nuove da nessuno.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Ombre di Lanterna
di Pierangelo Baratono
1909 pagine 254

   





Pietro Czar Stefania Pietro