Pagina (181/254)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      - ╚ possibile, m'ha detto; ma son casi rarissimi!
      Poi m'ha chiesto notizie del pittore. Non Ŕ riuscito a sapere nulla di preciso su di lui, ma ha incaricato qualcuno di sorvegliarlo. Quando ha saputo della visita, ha fatto un viso scuro; ma s'Ŕ rasserenato subito dinanzi al mio scoppio di collera. Credo d'essermi arrabbiata davvero, un pochino anche contro mio padre, al ricordo di quell'avventura. Ho sfogato un po' del mio odio contro quell'uomo, che pretendeva di famigliarizzarsi con me, ed ho promesso al mio fidanzato di metterlo a posto alla prima occasione, anche se dovessi recar dolore a mio padre, che se n'Ŕ incapricciato.
      - Pietro Mercovich!, ho detto; papÓ pretende che il pittore ti somigli nel viso. ╚ vero che avete il naso ed il mento uguali; ma quanto siete diversi nel resto! Leone Varinski ride e parla sempre con una voce grossa da can barbone...
      Il mio fidanzato ha scossa la testa, e m'ha lasciata. A poco a poco mi son calmata ed ho finito per non pensare pi¨ al pittore. Oh! Leone Varinski pu˛ star tranquillo: prima o dopo riuscir˛ a fargli capire quanto lo trovi noioso ed insopportabile. Per ora non ho tempo di pensare a lui, devo badare a Pietro Mercovich, al mio unico benamato.
     
     
     *

      * *
     
      Ho gettato sul fuoco il libro di Stefania. Adesso, sono pi¨ tranquilla. Esistono al mondo delle persone ben cattive, che cercano di turbare la felicitÓ degli altri! Ma io non serbo loro rancore; sono troppo felice per farlo! Pietro Mercovich viene ogni giorno a trovarmi e mi porta fiori e confetti.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Ombre di Lanterna
di Pierangelo Baratono
1909 pagine 254

   





Mercovich Varinski Varinski Pietro Mercovich Stefania Mercovich Leone Leone Pietro