Pagina (227/254)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Perfino il Direttore, di quando in quando, sporgeva dall'uscio della sua stanza il visetto angoloso e furbo a interrogare, a rispondere, a gettare un frizzo fra il turbinýo di frasi. Qualcuno rideva rumorosamente; i pi¨ sorridevano: tutti rivolgevano a ogni istante gli occhi all'orologio. Un vecchio, dal viso bonario e tranquillo, brontolava: "╚ troppo, Ŕ troppo! In trent'anni d'ufficio non ho mai visto nulla di simile!". Un giovanotto alzava la voce ad avvertire: "Sapete? Fra qualche sera daranno, in teatro, un lavoro di quel grand'uomo. Forse si crede giÓ un genio!". E un altro aggiungeva: "Si giuoca la posizione, vi dico! E sta per ammogliarsi!".
      Verso le dieci un usciere entr˛ frettoloso, gridando: "╚ qui; volta l'angolo della strada!".
      - Fatelo venire da me, subito; ordin˛ il Direttore.
      Gli altri zitti, annuendo.
      Fra quegli impiegati c'erano i buoni e i cattivi, come in ogni accolta di uomini. Pure, sopra ogni volto si vedeva diffusa un'espressione ansiosa ed ipocrita, come di cane bastonato, che non si rivolti a chi lo percuote, ma perchŔ ha paura, non per affezione. Essi aspettavano un collega, quello su cui si rivolgevano di comune accordo tutte le piccole ire invidie. Lo avean chiamato il Leone, per ischerno; e si aizzavano a vicenda a morderlo, ad abbattere la superioritÓ non cercata, la noncuranza d'uomo, che non si accorge del male solo perchŔ non vi ha mai pensato.
      E il Leone entra, un leone un po' spelacchiato, senza criniera e senza coda, ma tranquillo e sicuro di sŔ come il re della foresta, di cui porta il nome.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Ombre di Lanterna
di Pierangelo Baratono
1909 pagine 254

   





Direttore Direttore Leone Leone Fra