Pagina (7/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Molte sono le esuberanze e le inesperienze in questo lavoro, che Ŕ congegnato sopra un odio di parte e sopra una spada, e manca in molte parti quella chiara prospettiva dei caratteri e delle cose che Ŕ tanto necessaria sulle scene. Evidente Ŕ l'imitazione del Guerrazzi.
      Al Guerrazzi, per le lettere sue all'autore, Ŕ dedicato il Tintoretto(2). La tela di questo dramma Ŕ pi¨ distesa, pi¨ ben dipinta e qua e lÓ tocca ad una larghezza quasi di poema storico. Chi lo giudicasse soltanto dal punto di vista della teatralitÓ potrebbe trovarlo anche una meschina cosa, ma noi sappiamo da un pezzo che teatralitÓ Ŕ parola volgare, buona per un successo, e che quasi sempre finisce lÓ dove l'arte comincia, mentre non c'Ŕ parola nei drammi de Bazzero, che non sia collocata senza una sicura convinzione artistica. Quei grandi artisti del cinquecento, voglio dire il Vecellio, il Sansovino, lo Schiavone, il Tintoretto e quel grande ludibrio che fu messer Pietro Aretino, si muovono in una scena sfarzosa, piena di colori, e parlano un linguaggio che arieggia il classico del Vasari e del Cellini. Nel Tintoretto ha voluto il Bazzero rappresentare gli sforzi d'un uomo alla conquista delle due pi¨ grandi gioie della vita, l'arte e la famiglia, contro tutte le minaccie della fortuna e della volgaritÓ. Al Tintoretto vien sciupato il nome dall'Aretino, e tolta la figliuola diletta dalla peste. Eccone le ultime scene:
      Infierisce la peste in Venezia. Due commessari di sanitÓ vestiti in nero e sdrusciti, salgono dal mare al terrazzo ov'Ŕ la casa del Tintoretto:


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Guerrazzi Guerrazzi Tintoretto Bazzero Vecellio Sansovino Schiavone Tintoretto Pietro Aretino Vasari Cellini Tintoretto Bazzero Tintoretto Aretino Venezia Tintoretto