Pagina (93/355)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Voi mi credete poeta! Ho calcolato fitto, vestito, cucina, servizio, ecc., ecc. - O Lidia, potessi darti una posizione agiata e vivere a lungo, se mi ami: e se non mi ami, morire presto per lasciarti libera e con qualche mezzo.
     
      30 marzo. - L'altro dý, credendo di vederti, o Lidia, ho sentito una specie di ebbrezza: ieri, cercandoti nella via Manzoni, ho sentito uno spavento che non Ti so dire. - E chi sei tu? - Tante volte guardo la carta topografica di Mantova e cerco di trasportarmi coll'immaginazione o alla Piazza Virgiliana o a Porta Molina, o a Sant'Andrea o al Palazzo del T.... Che tristezza!
      Ieri ho toccato i tuoi capegli biondi, povera morta! povera sposina! Come un giorno da ragazzo, sentivo paura e religione davanti all'altare, oggi sento religione e paura davanti a qualunque minuzia che appartiene ad una fanciulla.
     
      31 marzo. - Alcune volte mi sento felice nel pensare alla morte, perchŔ mi dico: - L'anima mia Ŕ scritta in queste pagine e mia madre mi conoscerÓ. - Mia madre stenterÓ a capire la mia calligrafia, ed io sar˛ sotterra, senza aspettare la risurrezione.
     
      2 aprile. - -Oggi per la prima volta, io, letterato, ho letto la poesia di Stecchetti. - Oh amo Te, mio ideale, mia Lidia! Ecco come le letture delle poesie stampate influiscono su di me!
     
      3 aprile. - Anche i cattolici romani che leggono i discorsi alla SocietÓ Cattolica, dicendo che Dio Ŕ buono, abbracciano la femmina. Io credo in Te e per Te sono puro!
      Li leggo i poeti, ora che ho rinunciato ad ogni studio d'arte, li leggo per curiositÓ Stecchetti e Carducci.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Storia di un'anima
di Ambrogio Bazzero
Fratelli Treves Milano
1885 pagine 355

   





Lidia Lidia Manzoni Mantova Piazza Virgiliana Porta Molina Sant'Andrea Palazzo Stecchetti Lidia SocietÓ Cattolica Dio Stecchetti Carducci